Tu sei qui

Partecipazione alla CALRE

banner logo calre

La presidente dell’Assemblea legislativa umbra Dontaella Porzi è stata eletta a capo della Conferenza dei Presidenti delle assemblee regionali europee per il 2019.

La Calre è una associazione che riunisce i Parlamenti regionali di 74 Regioni facenti parte di 8 Paesi (Spagna, Italia, Belgio, Austria, Germania, Finlandia, Portogallo, Regno Unito) che rappresentano complessivamente 200 milioni di abitanti ed è stata costituita nel 1997.

CALRE significa “Conferenza delle Assemblee Regionali Legislative dell’Unione Europea (UE)”. Fin dalla Dichiarazione di fondazione di Oviedo del 1997, la missione dell'associazione è stata quella di approfondire i principi democratici e partecipativi nell’ambito dell’ordinamento dell’UE, al fine di difendere i valori della democrazia regionale e di rafforzare i legami tra le Assemblee Legislative Regionali.

Oltre a contribuire alla partecipazione democratica delle Assemblee Legislative Regionali nell’ambito dell’ordinamento dell’Unione Europea, rafforzando le relazioni tra le Assemblee regionali, in particolare attraverso lo scambio di buone pratiche, CALRE si impegna a far rispettare e consolidare il principio di sussidiarietà nell’Unione Europea.

All'interno della CALRE operano dei Gruppi di lavoro che hanno il compito di approfondire e sviluppare le tematiche di stretto interesse per l'associazione.

I Gruppi di Lavoro, coordinati ciscuno da una regione, sono dieci: Better regulation and policy evaluation, Cohesion Policy, Depopulation and Ageing, Gender Equality, Interactive Democracy, Migration policies and human rights. Unaccompanied foreign minors, Natural Disasters, Subsidiarity, Strategy for Sustainable Development of the European Regions, Language and Cultural Diversity.

"Caratterizzeremo l’anno di presidenza italiana con una profonda riflessione sul tema della legalità, intesa come evoluzione del pensiero etico di giustizia e del contrasto alle organizzazioni criminali": così si è espressa la Presidente Porzi subito dopo essere stata eletta.