Tu sei qui

LAGO TRASIMENO: INVASIONE CHIRONOMIDI: “LA REGIONE PREDISPONGA INTERVENTI IMMEDIATI E PIANI DI PREVENZIONE DEL FENOMENO PER IL 2017” - INTERROGAZIONE DI LEONELLI (PD)

In sintesi

Il consigliere regionale Giacomo Leonelli (PD), con una interrogazione a risposta immediata (question time) chiede alla Giunta regionale di conoscere quali azioni si intendano intraprendere “per farsi carico in tempi immediati della problematica relativa al controllo e al contenimento degli insetti, in particolare dei chironomidi, che in questi giorni stanno invadendo il territorio del Lago Trasimeno”. Nell'interrogazione Leonelli vuol sapere inoltre se l'Esecutivo ritiene opportuno predisporre “un'agenda ordinaria di interventi di prevenzione da attuare per il 2017”.

(Acs) Perugia, 22 giugno 2016 - Il consigliere regionale Giacomo Leonelli (PD), con una interrogazione a risposta immediata (question time) chiede alla Giunta regionale di conoscere quali azioni si intendano intraprendere “per farsi carico in tempi immediati della problematica relativa al controllo e al contenimento degli insetti, in particolare dei chironomidi, che in questi giorni stanno invadendo il territorio del Lago Trasimeno”.  Nell'interrogazione si vuol sapere inoltre se l'Esecutivo ritiene opportuno predisporre “un'agenda ordinaria di interventi di prevenzione da attuare per il 2017, al fine di evitare l'insorgenza delle problematiche, ora in atto, che si manifestano proprio all'inizio della stagione estiva che rappresenta, tra l'altro, il punto alto del potenziale turistico del bacino lacustre”.

"Quello posto nella mia interrogazione – spiega Leonelli - è un tema sollevato dagli  operatori turistici del Trasimeno e che non va affatto banalizzato. Non possiamo riempirci la bocca con la valorizzazione del Trasimeno e tergiversare poi su un problema che, se non affrontato celermente ed efficacemente, rischia di pregiudicare la stagione turistica estiva rendendo il nostro lago molto meno competitivo rispetto ad altre mete turistiche concorrenti".
Leonelli spiega che il problema dell'invasione “massiccia” del Lago Trasimeno da parte di   di chironomidi ed altri insetti è stato determinato anche “dagli effetti della riforma delle Province che ha determinato un 'vuoto legislativo' e di bilancio per la gestione degli interventi. In ragione di ciò – spiega – non è stata effettuata la disinfestazione delle larve degli insetti nei mesi adatti a tale intervento (marzo). Quella che abbiamo di fronte è una vera e propria emergenza che arreca danni alle attività turistico-ricettive di tutto il territorio del Trasimeno, e pone serie problematiche di ordine igienico-sanitario ai residenti. In alcuni casi – conclude Leonelli -, privati cittadini e imprese locali hanno provveduto a effettuare autonomamente interventi di disinfestazione, con costi elevati”. RED/tb

Data:
Mercoledì, 22 Giugno, 2016 - 15:30

Tag per ACS

Free tag

PD
Share page with AddThis