Tu sei qui

SICUREZZA: “NESSUNA PRECLUSIONE A CGIL, CISL E UIL RISPETTO ALL'OSSERVATORIO SULL'ILLEGALITÀ. MA L'INDICAZIONE DEI LORO DELEGATI NON È MAI ARRIVATA” - NOTA PRESIDENTE COMMISSIONE INCHIESTA, LEONELLI

 

(Acs) Perugia, 21 aprile 2017 – “In merito a quanto comunicato dai sindacati Cgil, Cisl e Uil, che denunciano l'esclusione dei rappresentanti delle tre sigle dall'Osservatorio regionale sulla criminalità organizzata e l’illegalità, in cui invece siederà un rappresentante della Cisal, mi corre l'obbligo di precisare che non si tratta di una scelta politica o di 'mancanza di rispetto': semplicemente non abbiamo ricevuta alcuna designazione e nessun nome da parte di Cgil, Cisl e Uil”. Lo dichiara, in risposta alla nota pubblicata da Rassegna.it (http://www.rassegna.it/articoli/umbria-sindacati-esclusi-da-osservatorio...), il presidente della Commissione d'inchiesta 'Analisi e studi sulla criminalità organizzata, infiltrazioni mafiose, tossico-dipendenze, sicurezza e qualità della vita', Giacomo Leonelli.

Il consigliere regionale, facendo riferimento alla seduta nella quale è stato istituito l'Osservatorio (http://www.consiglio.regione.umbria.it/informazione/notizie-acs/sicurezz...) spiega che, “a quanto risulta agli uffici dell'Assemblea, nessuna comunicazione o indicazioni ufficiale è giunta dalle tre sigle sindacali in merito ai nomi dei propri rappresentanti in senso all'Osservatorio stesso. La Cisal ha invece designato un proprio affiliato, che è quindi entrato a far parte dell'organismo. Questo è l'esito delle verifiche svolte dagli uffici, sarà comunque mia cura appurare ulteriormente se vi siano stati errori materiali nelle procedure”. MP/

Data:
Venerdì, 21 Aprile, 2017 - 18:45

Tag per ACS

Free tag

PD
Share page with AddThis